Contro lo ius soli e la distruzione della cittadinanza

di D. Fusaro Arianna Ed. – Il Fatto Quotidiano del 16-06-2017

0-1soli

Se fossimo nell’Amleto di Shakespeare potremmo compendiare tutto ciò che sta accadendo con le seguenti, imperiture parole: “Vi è del metodo in questa follia”. Stanno con successo riuscendo a far passare per plausibile l’inimmaginabile. Il capitale finanziario ha oggi come propria norma di sviluppo la destabilizzazione dello stabile, la precarizzazione del solido, lo sradicamento del radicato. Non vuole lavoratori tutelati, ma precari. Non vuole cittadini, ma migranti apolidi con erranza globale coatta.

Il capitale – non mi stancherò di ribadirlo – non vuole integrare i migranti. Vuole, invece, disintegrare i non-ancora-migranti. Non vuole cittadini radicati, attivi, con diritti. Vuole masse di schiavi apolidi, senza radici e senza stabilità lavorativa, etica ed esistenziale. Ci vuole tutti migranti e precari, disponibili per le pratiche della valorizzazione illimitata del valore.

Ed è in quest’ottica esiziale che deve essere letto il famigerato ius soli: con esso, si diventa tutti egualmente cittadini. Senza distinzioni. L’apice della uguaglianza, si potrebbe pensare. Ma il capitale conosce solo l’uguaglianza dell’irrilevanza, come la chiamava Hegel. Ossia ci rende tutti eguali nel senso di tutti egualmente irrilevanti. Chiama privilegi i diritti: per poterli distruggere in nome della lotta ai privilegi (vi ricorda qualcosa la rimozione dell’articolo 18?). Ed ecco lo ius soli: la cui ratio si compendia nel noto detto spagnuolo “todos caballeros”, dove ovviamente se sono tutti “caballeros”,  nessuno è veramente “caballero”.

Useranno questo grimaldello non per renderci tutti cittadini eguali, come sarebbe giusto: ma per distruggere il concetto di cittadinanza, con la gamma di diritti che esso storicamente implica. Si diventa tutti cittadini in astratto e, in concreto, il concetto di cittadinanza è svuotato: meglio, è rioccupato dal concetto di consumo. Il cittadino ha diritti che gli spettano in quanto tale. Il consumatore ha tanti diritti quanti può effettivamente acquistarne.

Preparatevi. E non unitevi al già nutrito branco dei lupi che ululano in modo irriflesso in difesa del pensiero unico, senza nemmeno capire ciò che stanno facendo.

 

Fonte: http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=59067 del 15/06/17 in redazione il 16 Giugno 2017

stampa
This entry was posted on venerdì, giugno 16th, 2017 and is filed under Editoriale. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Links


Arianna Editrice
Mursia
Seguici su facebook
Newsletter
Istituto Studi delle Venezie

Archivio