Qui è tutto un magna magna

di Marcello Veneziani Il Tempo del 02-11-2017

00-Betty

Se giri per Roma ma anche in tutta Italia, o se giri tra i canali televisivi, ti accorgi di un fenomeno massiccio, pervasivo, esagerato: la schiacciante prevalenza delle mangerie.

Non so come altro raggruppare i molteplici luoghi del cibo che si abbattono per le città e soprattutto per le vie del centro: pizzerie, kebab, sushi-bar, roba cinese, cucina etnica, street food, focaccerie, paninoteche, gelaterie, forni, ristoranti, trattorie.

Appena chiude un negozio, una libreria, spunta subito al suo posto uno spaccio di mangime (per uomini e bestie, la differenza si assottiglia). A far da contorno ci sono quei supermercati aperti h24 dove puoi ricorrere in caso di fame fuori orario, crisi d’astinenza o ipoglicemie notturne.

Con alcune perversioni: per esempio trovi dappertutto cibi per cani, gatti e vegani, ma non trovi quasi mai alimenti per diabetici che pure sono alcuni milioni, e sono costretti alla dieta non da una scelta, una credenza o un capriccio, ma da una necessità e da una malattia.

Poi vai a casa, fai zapping tra i canali e i programmi con cuochi, gare di gastronomia, guru dell’alimentazione, più signore incompetenti ma impenitenti in cucina invadono ogni rete, ti fanno ingrassare già a vista d’occhio, creano un’indigestione psico-visiva, un’abbuffata di cibi e pietanze, più tanta teoria e fenomenologia della panza piena.

Anche le conversazioni ormai vertono sui cibi e sui ristoranti migliori, o come contrappasso, sulle diete e la forma fisica. Persino nello spazio l’astronauta Nespoli cucina le lasagne. È il contributo italiano all’impresa spaziale.

Impressiona girare per le vie del centro storico, tra magnifiche chiese, antichi templi e rovine fascinose e trovare sempre e solo odori di fritto, effluvi di ketch-up, file mangerecce.

E come attrazioni turistiche davanti ai ristoranti esposizioni di carbonare senza tempo, pizze imbalsamate, cofane di fettuccine ridotte a installazioni d’arte grassa… Le strade grondano di colesterolo, non c’è angolo che non sia farcito da sacche d’adipe e sacchi d’immondizia, che poi sono in larga parte gli stessi cibi post mortem.

Per non dire dell’effetto devastante che producono nel centro storico i rifiuti dei b&b selvaggi, seminati per strada, in una specie di Digestione Corale, di Evacuazione turistica di massa. E bottiglie, bottiglie dappertutto, e lattine e rottami di pizze e cartoni che le contenevano.

Come se non bastasse, si fa pure volantinaggio e proselitismo intorno alle pizzerie e alle trattorie per invogliare la gente a ingozzarsi.

In isconto dei peccati di gola sorgono ovunque palestre e centri per riacquistare la forma o meglio per smaltire grassi ed essere pronti a ricaricarsi di cibi. Così il ciclo è completo e paghiamo due volte, per abbuffarci e per digerire, riducendo la nostra vita a un corridoio tra la cucina e il cesso, una specie di tubo digerente che si è fatto casa. La bulimia è pianificata a livello commerciale per renderci totalmente gastro-dipendenti e consumatori.

Poi vi lamentate dell’assenza di cultura, di insensibilità alla bellezza e all’arte, di refrattarietà alla lettura e ai luoghi di culto. O vi lamentate dell’obesità crescente, dei corpi sformati. Sono saltati sia i valori spirituali che quelli clinici. Scende il decoro, salgono i trigliceridi.

Dall’etica alla cotica.

È così temerario stabilire un nesso tra questo magna-magna generale e il degrado urbano e morale, la corruzione politica e sociale, il rincoglionimento seriale del nostro paese? C’è parentela tra l’abbuffarsi come imperativo avido di massa e l’assenza di passato e di futuro che ci connota, c’è una relazione tra fast food e reset mind (tradotto in napoletano, panza piena e capa vacante)? Ciccia.

La caduta di Roma antica avvenne tra banchetti e indigestioni, mangiare, vomitare per rimangiare, grassezza mezza bellezza. Le magnate piegarono i romani più dei barbari.

Ora ci risiamo. Mai come in questo caso Roma è lo specchio e la gigantografia dell’Italia, la Capitale del Prodotto Interno Lardo. Roma passò dai Sette Colli ai Quattro Formaggi.

 

 

Fonte: http://www.marcelloveneziani.com/articoli/un-magna-magna/ del 02-11-2017

 

stampa
This entry was posted on giovedì, novembre 2nd, 2017 and is filed under Editoriale. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Links


Arianna Editrice
Mursia
Seguici su facebook
Newsletter
Istituto Studi delle Venezie
Accademia Adriatica Nuova Italia

Archivio