Video

Il video choc: L’eccidio di Saccol

57210723

Una verità scomoda della lotta partigiana e della guerra civile in Italia

Intervento del professor Antonio Serena, storico, alla cerimonia di scoprimento della lapide in località Cartizze (Valdobbiadene – Treviso) nel 70mo anniversario dell’eccidio di Saccol in memoria dei civili e militari Nuotatori paracadutisti della X Mas caduti il 4 e 5 maggio 1945

 

Per visionare il video clicca sotto:

 

L’eccidio di Valdobbiadene

 

L’eccidio di Valdobbiadene fu l’esecuzione sommaria di circa 50 prigionieri appartenenti alla Xª Flottiglia MAS, eseguito dai partigiani della Brigata Garibaldi “Mazzini”, avvenuto tra il 3 e il 5 maggio 1945 nei dintorni di Valdobbiadene.

Tra il 3 e il 5 maggio 1945 alcuni elementi delle brigata “Mazzini” sottoposero una cinquantina di prigionieri, civili e militari legati alla Xª Flottiglia MAS, ad un interrogatorio presso la caserma della Guardia di Finanza di Valdobbiadene, allora divenuta sede della brigata. I prigionieri furono quindi divisi in tre gruppi che furono condotti rispettivamente a Saccol di Valdobbiadene, Madean di Combai e Segusino, dove vennero uccisi.

Nel 2005 il pm militare di Padova, Sergio Dini, ha aperto un fascicolo per accertare fatti e responsabilità. L’indagine riguarda anche altri due avvenimenti controversi: la strage di Lamosano e l’eccidio del Bus de la Lum.

Dini ritiene che sia il Decreto Luogotenenziale 12 aprile 1945, sia l’amnistia Togliatti non possono coprire il fatto: il primo riguarda infatti solo le azioni di guerra, quindi gli atti compiuti per la necessità di lotta contro i fascisti, mentre la seconda escludeva i casi di sevizie particolarmente efferate. In ogni caso, osserva il pm, le leggi nazionali non possono prevalere sul diritto internazionale, e quindi sulle varie convenzioni relative al trattamento dei prigionieri di guerra.

 

Bibliografia

Antonio Serena, I fantasmi del Cansiglio, Mursia, Milano, 2011

Antonio Serena, I giorni di Caino, 2 voll, Manzoni, Treviso, 2001

Antonio Serena, Benedetti assassini, Ritter, Milano, 2015

 

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Eccidio_di_Valdobbiadene

 

 

 

stampa

Leave a Reply

Links


Arianna Editrice
Mursia
Seguici su facebook
Newsletter
Istituto Studi delle Venezie

Archivio